Parità di genere: Commissione Ue avvia consultazione pubblica sulla pari retribuzione tra uomini e donne

(Bruxelles) Parte oggi una consultazione pubblica per raccogliere informazioni sull’impatto delle norme dell’Ue sulla parità di retribuzione tra uomini e donne. L’iniziativa è della Commissione europea che intende verificare se è attuato “il principio di parità di retribuzione a parità di lavoro, sancito dai trattati dell’Ue e dal diritto dell’Ue” e come meglio applicare il principio che è alla base della direttiva sull’uguaglianza di genere e della raccomandazione sulla trasparenza delle retribuzioni del 2014. La consultazione, prevista nel piano d’azione del 2017 per affrontare il divario retributivo di genere, si rivolge a cittadini, autorità pubbliche, parti sociali, società civile e accademici. “Le donne guadagnano in media il 16,2% in meno rispetto agli uomini nell’Ue. Questo è semplicemente ingiusto”, ha dichiarato Vera Jourová, commissario Ue per la giustizia, i consumatori e la parità di genere, la quale riferisce come non sia “cambiata negli ultimi anni questa disuguaglianza”. Infatti la relazione sull’attuazione della raccomandazione “ha dimostrato che non esistono ancora misure di trasparenza in un terzo degli Stati membri” dice una nota della Commissione e che il “persistente divario retributivo di genere” richiede “ulteriori misure a livello dell’Ue”. Sarà possibile rispondere alla consultazione online fino al 5 aprile.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo