Diocesi: Vittorio Veneto, un progetto della Caritas per trovare lavoro e recuperare dignità

Trovare lavoro e recuperare dignità: questi gli obiettivi con cui è nato il Progetto inserimento lavorativo promosso dalla Caritas di Vittorio Veneto. Grazie a questo progetto, nel triennio 2016-2018 dodici persone disoccupate tra i 25 e i 60 anni (undici uomini e una donna) hanno trovato un lavoro e ora hanno una sicurezza economica e la ritrovata soddisfazione di mettere a frutto le loro capacità. Non solo. Altre 22 persone (14 uomini e 8 donne) hanno avuto la possibilità di ripartire grazie al tirocinio pagato di 400 ore in aziende sinceramente interessate a loro e un’occasione per rientrare nel mercato del lavoro. Uno di questi tirocinanti ha ottenuto un’assunzione a tempo determinato. In tre anni il Progetto inserimento lavorativo (Pil) ha investito 67.227 euro, serviti pagare i tirocinanti con delle “borse lavoro”. In gran parte sono risorse di Caritas Vittorio Veneto, il resto arriva dai Comuni che hanno scelto di aderire al programma a beneficio di loro residenti. Spicca, in particolare, il contributo del Comune di Ceggia, unica realtà coinvolta al di fuori della provincia di Treviso, ma sempre nel territorio della diocesi di Vittorio Veneto. Due ciliensi hanno ottenuto grazie a Pil l’assunzione, 5 il tirocinio. All’iniziativa di Caritas sono stati devoluti anche le offerte, pari a 1.795 euro, raccolte in occasione della veglia diocesana di Pentecoste che si è tenuta sabato 19 maggio 2018 in cattedrale. In questo modo anche la generosità di tanti singoli cittadini ha permesso ad altri cittadini meno fortunati di rimettersi in gioco nel mondo del lavoro. “Sappiamo – dicono da Caritas Vittorio Veneto – che i numeri del Progetto inserimento lavorativo sono piccoli, e che non sono la sola soluzione alla sofferenza di chi è povero nel territorio diocesano, e non sono pochi. Sono però piccoli risultati concreti, in un periodo economicamente non roseo, che aiutano alcune persone e le loro famiglie a ripartire con più speranza. Risultati per i quali ci teniamo a ringraziare chi collabora al progetto: i Centri servizi per l’impiego della Provincia di Treviso, i Comuni che sostengono il progetto e le 28 aziende e enti che hanno accolto e accolgono i nostri tirocinanti tra 2016 e 2018”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo