Terremoto in Sicilia: vescovi indicono giornata di preghiera e di solidarietà per “aiutare la riparazione dei danni subiti”

“Le Chiese di Sicilia esprimono vicinanza e solidarietà alle due Chiese sorelle di Catania ed Acireale per le conseguenze sofferte a causa del recente terremoto, con il suo costante sciame sismico”. I vescovi delle Chiese di Sicilia indicono così una giornata di preghiera e di solidarietà per “aiutare la riparazione dei danni subiti” dalle popolazioni dopo il terremoto che lo scorso 26 dicembre ha colpito alcuni paesi alle pendici dell’Etna. La data scelta dai vescovi è il 3 febbraio 2019. “Ringraziando l’Altissimo per l’incolumità delle persone – dicono i pastori delle 18 diocesi dell’Isola -, ci si addolora per il notevole disagio che i vari nuclei familiari patiscono nel vedere gravemente lesionate e inagibili le loro dimore. Dispiace, inoltre, che gli edifici di culto, le canoniche e gli oratori siano gravemente danneggiati, aggravando lo sconforto della gente, ulteriormente disorientata per non poter usufruire di questi luoghi di aggregazione”. L’attenzione pastorale dei vescovi anche per un’altra difficoltà che i siciliani si trovano ad affrontare: “A seguito delle alluvioni e delle gelate delle settimane scorse, tanti agricoltori hanno subito ingenti danni alle loro colture e, talvolta, hanno perduto l’intero raccolto”. I vescovi esprimono la loro “vicinanza alla categoria e alle rispettive famiglie, auspicando adeguati interventi pubblici per ripristinare le attività compromesse”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo