Ponte Morandi: Sant’Egidio Genova, un incontro per i giovani a cinque mesi dal crollo

Si intitola “Costruire ponti” l’evento organizzato da Sant’Egidio a cinque mesi dal crollo del Morandi per i giovani dei quartieri del ponente genovese. L’appuntamento sarà sabato 12 gennaio a partire dalle ore 21. “La voglia di fare qualcosa – spiegano i ragazzi di Sant’Egidio – è nata confrontandoci subito dopo lo sgomento del 14 agosto: nei mesi successivi abbiamo raccolto voci che chiedevano uno sforzo per ritessere legami nella città e non solo per realizzare opere ingegneristiche. Incontrarsi è il primo passo per convogliare le energie giovani e positive e iniziare a coltivare anche qui, su un palco allestito in una villa antica, i semi dell’incontro e del dialogo”. Con questi obiettivi, il movimento giovanile della comunità, “Giovani per la Pace”, ha organizzano “Building Bridges”, una serata di musica, spettacolo e ballo per far incontrare i 14-29enni che abitano nei quartieri situati intorno a quello che resta del ponte e per riflettere e comprendere insieme come costruire davvero ponti nella città. Sfondo dell’evento, gratuito, sarà villa Bombrini data in gentile concessione dalla Società per Cornigliano. “Lo spettacolo – spiegano in una nota dalla comunità di Sant’Egidio di Genova – vedrà la partecipazione dei Bustemoon e dei Bad geals, giovani band del panorama musicale cittadino e della scuola di ballo Live while dancing e vuole coniugare divertimento e riflessione, a partire dall’esperienza concreta della Comunità di Sant’Egidio che ogni giorno lavora per costruire ponti tra generazioni, quartieri, continenti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo