Discernimento: Fitzgerald (Holy Cross), “senza non si ha altro punto di riferimento se non le proprie opinioni”

(da Bose) – “L’obiettivo essenziale del discernimento è l’individuazione di ciò che è di Dio e di ciò che non è di Dio in ogni particolare situazione e contesto. Perché il discernimento è importante? Senza discernimento non si ha altro punto di riferimento se non le proprie opinioni”. Lo ha affermato oggi pomeriggio Kyriaki Fitzgerald, docente presso la Scuola teologica Greco-ortodossa “Holy Cross” di Brookline (Massachusetts), intervenendo al Convegno ecumenico internazionale di spiritualità ortodossa dal titolo “Discernimento e vita cristiana” in corso al monastero di Bose. Per parlare di “Discernimento e una sana formazione della persona”, Fitzgerald ha fatto ricorso alla sua esperienza professionale parlando dei “pazienti” che per la psicoterapia si presentano da lei – tutti condividendo il “bisogno di discernimento” – presentando preoccupazioni che vanno dalla “perdita di senso nella vita” al “ristabilimento dopo una perdita improvvisa e/o grave”, dai “pensieri invadenti e molesti” (in greco “logismoi”) alla “disperazione”. Se “la società secolare troppo spesso tende a presentare il sollievo dai sintomi fastidiosi come l’obiettivo della terapia”, ha osservato, “la spiritualità ortodossa cristiana ci incita a usare la sfida pressante come una sorgente per un nuovo, più autentico modo di vivere”. Rilevando che “il discernimento non è un compito facile, né per noi stessi né nell’assistere altri! Ma non siamo soli”, Fitzgerald ha condiviso cinque principi generali validi per chi (un terapista) accompagna pazienti nel discernimento: “ricordare che Cristo è nella stanza”, “il costante bisogno di edificare una relazione di fiducia”, “rimettere in discussione le false certezze personali”, “rimanere presenti alla presenza di Dio nella stanza” e “coltivare un atteggiamento di lode e ringraziamento”. “Tutto questo – ha concluso – dev’essere fatto nell’umiltà” che “dà vita”, da non confondere con l’umiliazione che “cerca l’annientamento di una persona” e “cancella la vita”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo