This content is available in English

Lituania: mons. Grusas (presidente vescovi) sulla visita del Papa, “sostegno della Santa Sede per l’indipendenza dei Paesi baltici”

“Gli Stati baltici di Lituania, Lettonia ed Estonia stanno festeggiando il 100° anniversario della loro dichiarazione di indipendenza. Questa celebrazione è anche un tempo di riflessione sul dono della libertà, così come sul costo della libertà. Questo dono esige da noi di lavorare per il bene comune e per la pace”: mons. Gintaras Grusas, arcivescovo di Vilnius e presidente della Conferenza episcopale lituana, riflette sull’importante anniversario nazionale e apre l’orizzonte alla prossima visita che Papa Francesco renderà agli Stati baltici. “Settembre – scrive in un editoriale su www.europe-infos.eu, pubblicato anche dal Sir – segna anche il 25° anniversario della visita di Papa Giovanni Paolo II negli Stati baltici, una visita importante che ha dato coraggio a questi tre Paesi all’inizio del loro nuovo viaggio come repubbliche indipendenti. Il Papa aveva parlato delle sfide che ci attendevano rispetto alla riconciliazione e alla ricostruzione di una società che aveva molto sofferto. Persino la tradizione di lunga data dell’armonia nella diversità religiosa ed etnica era stata indebolita da attori terzi che avevano provocato conflitti per il proprio interesse politico”. “Per volontà della Divina Provvidenza, a settembre Papa Francesco verrà in visita da noi. E la sua presenza servirà a rafforzare il sostegno indefesso della Santa Sede per l’autodeterminazione di questi piccoli Paesi e, ancora una volta, a portare speranza alle persone che affrontano oggi le sfide della libertà”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa