Laici: Brasile, Anno nazionale del laicato ed esperienze di formazione sulla scorta di Aparecida. A breve documento dei vescovi

A causa dell’immenso territorio del Paese, la Conferenza nazionale dei vescovi del Brasile è suddivisa in realtà regionali, che hanno progetti formativi specifici per i laici, secondo le loro realtà. Sono quattro le esperienze presentate all’incontro internazionale “Promozione e formazione dei fedeli laici. Buone pratiche” che ha preso il via oggi a Roma per iniziativa del Dicastero per i laici, la famiglia e la vita (fino al 28 settembre). Anzitutto l’Anno nazionale del laicato in corso; quindi un’esperienza di formazione politica articolata e organizzata dalla Commissione pastorale episcopale per i laici a livello nazionale, il Centro nazionale di fede e politica Dom Hélder Câmara. E ancora: una formazione organizzata dall’Istituto di pastorale regionale – Ipar/Cnbb/ Regional North 2 e infine il processo di formazione sviluppato dal Consiglio nazionale dei laici del Brasile. Sullo sfondo il documento di Aparecida. In Brasile esiste anche una serie di corsi teologici offerti dalle diocesi, oltre ai corsi accademici offerti dai collegi. Per questo motivo, e considerando l’immensa territorialità e le diverse realtà riguardanti i processi formativi per i cristiani laici e laici, e considerando la diversità di carismi, servizi e ministeri, la Conferenza episcopale brasiliana, dopo un lungo processo di ascolto delle Chiese particolari sta elaborando un documento (in fase di conclusione) contenente “Indicazioni sulla formazione del laicato, in particolare, dei corsi di teologia”, che sarà pubblicato quest’anno.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori