Diocesi: Assisi, domani preghiera per la pace in Messico “provato da un aspro conflitto aperto dal narcotraffico”

Sarà dedicato al Messico l’appuntamento di preghiera per la pace che torna domani, giovedì 27 settembre, ad Assisi. Voluta dal vescovo di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino, mons. Domenico Sorrentino, e portata avanti dalla Commissione diocesana per lo “Spirito di Assisi”, l’iniziativa si ripete con cadenza mensile.
“Pur avendo a cuore tutte le situazioni di conflitto armato e di violenza che si consumano tragicamente nel mondo – spiega mons. Sorrentino -, concentriamo mensilmente le nostre suppliche su un conflitto in particolare in modo da far emergere tante situazioni che, se pure fossero dimenticate dal mondo dell’informazione o occultate volutamente da interessi potenti, non devono essere nascoste alla nostra coscienza e devono trovare spazio anche nella nostra invocazione di pace a Dio”. L’invita per la giornata di domani è quello di “levare la nostra preghiera per il Messico, provato da un aspro conflitto interno aperto dal narcotraffico. Ci sono aree in quel Paese – evidenzia il vescovo – in cui i cartelli della droga sembrano dettare legge in maniera incontrastata disseminando atroci violenze e sottomettendo la popolazione alla loro legge perversa. Spesso questo clima di violenza viene rafforzato dal sistema di pressoché totale impunità e dalla corruzione dilagante. Tutti aspetti che Papa Francesco ha sottolineato nel corso della sua visita al Paese nel febbraio 2016”.
Come di consueto, religiosi e laici sono invitati a pregare per la pace in Messico nei vari momenti e nelle celebrazioni eucaristiche della giornata. Non è previsto un momento.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori