This content is available in English

Bosnia-Erzegovina: commissione “Justitia et pax”, messaggio per le elezioni. “Non fatevi ingannare da promesse vuote e dalle apparenze”

Mons. Franjo Komarica

“Non fatevi ingannare da promesse vuote e dalle apparenze di quei candidati politici di cui sapete che non hanno mostrato un’integrità morale e politica nelle loro opere e non adempiono le promesse fatte!”. È uno degli appelli che si leggono nel messaggio della della Conferenza episcopale della Bosnia-Erzegovina, in occasione delle prossime elezioni generali in programma il 7 ottobre. Il documento, firmato dal vescovo di Banja Luka, mons. Franjo Komarica, cerca di dare una risposta ai cattolici che si chiedono “Come esercitare in modo retto il proprio diritto e dovere di votare?”. Inoltre, nel messaggio si ricorda la complicata situazione politica e sociale in Bosnia-Erzegovina: “il caos controllato in seguito all’accordo di Dayton, la corruzione dilagante a causa di una legislazione non adempiuta da parte dei politici attuali”, “le migliaia di persone che, spinte dalla necessità di sopravvivere, hanno lasciato il Paese andando all’estero”. Nonché “la dilagante impressione che i politici locali non si preoccupino del bene comune e di un reale significativo miglioramento della situazione giuridica, sociale e politica di tutti, ma curino soprattutto i propri interessi e la posizione monopolistica dei loro partiti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori