Abusi in Cile: il vescovo di Arica costituisce una Commissione speciale per la verità e la trasparenza

La cattedrale di Arica

In una conferenza stampa il vescovo di Arica (nord del Cile), mons. Moisés Atisha, ha annunciato ieri la creazione di una Commissione speciale per la verità e la trasparenza, che raccoglierà testimonianze riguardo ad abusi di potere, di coscienza e di carattere sessuale eventualmente commessi da sacerdoti a partire dal 1986, anno di creazione della diocesi. La Commissione è composta da tre laici: una consigliera comunale e due avvocati (un uomo e una donna). Avrà novanta giorni di tempo per ricevere testimonianze e dieci giorni per consegnare gli atti, a partire dal 25 settembre. Quindi, elaborerà un’informativa che sarà resa pubblica. Se la Commissione riterrà opportuno che vengano avviati dei processi attraverso la giustizia ordinaria, sarà favorito il contatto con la Magistratura. Il vescovo ha spiegato di avere scelto persone “di riconosciuto prestigio e autorità morale” e ha sottolineato: “Ci anima il fermo proposito di giungere alla verità e di cercare la giustizia, sempre proteggendo l’identità dei denuncianti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori