Scuola: Bussetti (ministro), “alleata con famiglia per crescere futuri cittadini ed essere centro propulsivo società”. Il ricordo delle vittime di Genova

“Immagino e voglio per voi una scuola in cui al centro ci sia un rapporto vero, umano, tra chi insegna e chi apprende. Tra tutte le componenti. La scuola, ricordatelo per sempre, è la vostra alleata. E chi lavora nella scuola lavora per il vostro bene”. Si rivolge così ai quasi mille studenti convenuti da tutta Italia all’isola d’Elba il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, nel suo intervento alla cerimonia d’inaugurazione del nuovo anno scolastico che si sta svolgendo alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il pensiero di Bussetti va alle vittime del crollo del Ponte Morandi: “Ricordo con affetto e commozione Samuele, Kristal, Manuele e Camilla che non potranno frequentare questo anno scolastico perché coinvolti nella tragedia di Genova. A loro, ai loro genitori, alle loro comunità scolastiche, a tutta Genova, va il mio pensiero e la mia vicinanza”. Quindi il ringraziamento ai dirigenti scolastici e a tutto il personale: “Siete il motore della nostra scuola”. Agli insegnanti dice: “Con il vostro lavoro e la vostra passione lasciate il segno negli studenti. Tutti noi ricordiamo con affetto e gratitudine chi ci ha trasmesso qualcosa e lo ha fatto con amore”. Di qui il ricordo della propria maestra Nicolina che ha voluto presente alla cerimonia. Il ministro sottolinea l’importanza della collaborazione delle famiglie. “È essenziale che si instauri un’alleanza, un circolo virtuoso dove i ruoli siano presenti e rispettati: solo così potremo diventare una comunità che cresce i suoi futuri cittadini”. Con la collaborazione di tutti, conclude, “la scuola potrà e dovrà essere ancora il centro propulsivo della nostra società e della sua democrazia”.

 

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia