Papa Francesco: Europa e Balcani tra i temi dell’udienza al presidente dell’Albania

foto SIR/Marco Calvarese

Nella mattina di oggi, il Papa ha ricevuto in Udienza, nel palazzo apostolico vaticano, il presidente della Repubblica di Albania, Ilir Meta, il quale si è successivamente incontrato con il card. Pietro Parolin, segretario di Stato, accompagnato da mons. Antoine Camilleri, sotto-segretario per i rapporti con gli Stati. “Durante i cordiali colloqui – informa la Sala Stampa della Santa Sede – sono state rilevate le positive relazioni tra l’Albania e la Santa Sede, nonché il contributo della Chiesa cattolica locale a beneficio dell’intera società albanese, in particolare dei giovani. In tale contesto sono stati affrontati temi di comune interesse, tra i quali l’importanza della promozione della libertà religiosa e della coesistenza pacifica e il prosieguo nell’impegno in favore del dialogo interreligioso e interculturale.Ci si è anche soffermati sul percorso dell’Albania nel processo di integrazione nell’Unione europea e sono state esaminate alcune questioni in ambito internazionale, in particolare la situazione nei Balcani occidentali”. Il colloquio tra il Papa e Meta – ha riferito il “pool” di giornalisti ammessi all’udienza – è durato circa 20 minuti, alla presenza di un interprete. Il presidente albanese era accompagnato dalla moglie, dai tre figli (due femmine e un maschio) e da altre tre persone del seguito. Meta ha regalato al Santo Padre un’icona della Madonna col bambini, spiegando che si trattava di un’opera in stile ortodosso albanese. “Ma guarda la tenerezza, guancia su guancia!”, ha esclamato Francesco con ammirazione. Il Papa ha regalato al capo di Stato dell’Albania il medaglione con l’ulivo e una copia della Laudato Si’ – “Questo è quello che ho scritto sul creato”, le parole del Papa – a cui dopo la foto di gruppo ha aggiunto una copia del Messaggio per la pace 2018.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia