Crollo ponte Morandi: mons. Anselmi (ausiliare Genova), “la città risorgerà con l’impegno e il contributo di ognuno di noi”

“Il crollo del Ponte Morandi ci ha travolto in modo incredibile; era il ponte della nostra città, lo abbiamo percorso centinaia, migliaia di volte; era il ponte di Genova, apparteneva alla vita di tutti noi, era un luogo familiare, di casa; si può dire che è crollato un pezzo di casa nostra. Tutti ben sappiamo che su quel ponte, in quella mattina di trenta giorni fa, potevamo esserci noi o qualcuno dei nostri familiari o amici stretti”. Lo ha detto questo pomeriggio mons. Nicolò Anselmi, vescovo ausiliare di Genova, nella cerimonia commemorativa ad un mese dal crollo del Ponte Morandi in piazza De Ferrari. “Insieme ai nostri 43 amici travolti dal disastro siamo, in un certo senso, morti tutti noi; è per questo che parlando con tante persone siamo così turbati e scossi”, ha proseguito: “Ma come tutti siamo crollati con il ponte e siamo morti con le vittime così tutti rinasceremo insieme al nuovo ponte e tutta la città risorgerà”. Per mons. Anselmi, “Genova risorgerà con l’impegno e il contributo di ognuno di noi; rinascerà se tutti saremo più attenti e appassionati nel nostro compito e nel nostro lavoro, se ci impegneremo ad essere papà e mamme, figli, studenti e insegnanti, giovani e anziani, lavoratori, operai e professionisti, politici e giornalisti, preti, volontari, nonni e casalinghe migliori, lontani dai riflettori, nel servizio ordinario e quotidiano. Genova rinascerà presto se ognuno di noi farà la propria parte che è cosi importante, quella che solo io posso fare, senza arrabbiarmi perché altri non la fanno”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo