Crollo ponte Morandi: card. Bagnasco su alloggi agli sfollati, “ci sia la determinazione per obiettivi rapidi, concreti e sicuri”

(da Poznań) La “compattezza di solidarietà e di vicinanza” che fino ad oggi c’è stata nella città di Genova tra le istituzioni e i cittadini “è un grandissimo patrimonio perché è il segno della volontà da parte di tutti di andare avanti, di superare la difficoltà. Però questo patrimonio di fiducia e di speranza non deve essere disperso. Vuol dire in concreto che da parte di tutti, delle istituzioni in primo luogo ma di ogni singolo cittadino, ci sia la determinazione per obiettivi rapidi, concreti e sicuri”. Lo ha detto il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova, a Poznań (dove è in corso la plenaria Ccee dei vescovi europei, di cui l’arcivescovo è presidente) del ponte Morandi ad un mese dal crollo. Parlando questa mattina ai giornalisti, il cardinale ha detto: “Significa, in concreto, l’assicurazione di alloggi. Condizione che si sta cercando di attuare anche con l’aiuto della Chiesa che sta mettendo a disposizione piccoli appartamenti e canoniche non usate in questo momento, secondo le richieste del Comune. Questi alloggi saranno dedicati per il tempo di un anno. Il che significa che, nella progettazione delle autorità competenti, il tempo dovrebbe essere un anno. Speriamo anche meno”. “I nostri sacerdoti – ha aggiunto l’arcivescovo – sono presenti accanto alla gente soprattutto nel quartiere più ferito, perché la speranza non venga meno e non ci si lasci andare allo scoraggiamento. Sarebbe la distruzione del futuro”. Il cardinale ha anche auspicato che si tenga presente il “desiderio degli sfollati di rimanere nel proprio quartiere”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo