Ponte Genova: Toninelli (ministro), venerdì il “decretone” in Consiglio dei ministri. “Ricostruzione primo intervento”

“Riusciremo a gestire la ricostruzione del ponte come primo intervento. Ci sono già delle buone basi di partenza delle giuste regole previste dal Codice degli appalti. Il caso drammatico ed eccezionale come quello di Genova ci permetterà di poter assegnare direttamente ad una società pubblica, ad esempio Fincantieri, per poter ricostruire il ponte. E poterlo fare entro il 2019”. Lo ha affermato questa mattina alla Camera dei deputati il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Danilo Toninelli, parlano della ricostruzione del ponte Morandi nel corso del seguito dell’audizione alla Commissione Ambiente sulle linee programmatiche del suo dicastero.
Toninelli ha parlato del “decretone”, atteso per il Consiglio dei ministri di venerdì 14 settembre, ricordando che “ha come destinatari i cittadini di Genova, gli sfollati, le imprese – non solo quelle della zona rossa, ma tutte le imprese di Genova. L’obiettivo è quello di far ripartire immediatamente una delle città economicamente più strategiche del nostro Paese”. Per Genova e i genovesi “penso che ci saranno provvedimenti importanti”, ha affermato il ministro, che ha dichiarato che “probabilmente già venerdì” arriveranno i sensori da installare sui monconi del viadotto, operazione che permetterà agli sfollati di rientrare nelle rispettive abitazioni per riprendere gli effetti personali.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa