Mons. Franco Perazzolo: Fondazione Ente dello spettacolo, “autentico appassionato di cinema e suo colto esegeta”

“Autentico appassionato di cinema e suo colto esegeta”. Così la Fondazione Ente dello spettacolo (Feds) ricorda monsignor Franco Perazzolo, animatore della prima ora del “Tertio Millennio Film Fest e amico di lunga data della Fondazione”, morto sabato scorso a Roma dopo “una terribile malattia”. “Don Franco – ricorda Feds – è stato in tutti questi anni un prezioso interlocutore della Fondazione nella progettazione del Tertio Millennio Film Fest, una manifestazione che ha accompagnato in tutti questi anni contribuendo direttamente alla sua crescita e ai suoi felici cambiamenti, come quello che l’ha vista trasformarsi tre anni fa in Festival del Dialogo Interreligioso. Da qualche tempo lottava contro una malattia, che non gli ha impedito tuttavia di seguire i primi lavori della XXII edizione del festival (11-15 dicembre)”.
Ieri mattina si sono tenuti i funerali a Roma; una Messa esequiale è stata celebrata oggi, alle 10, dal vescovo di Chioggia, monsignor Adriano Tessarollo, nella chiesa parrocchiale del suo paese di origine, San Pietro di Cavarzere, nel cui cimitero verrà tumulata la salma.
Originario di San Pietro di Cavarzere, dove era nato il 15 luglio del 1958, ma molto conosciuto a Chioggia per aver servito in alcune parrocchie della città, tra le quali la Cattedrale, Perazzolo era stato ordinato sacerdote nel 1983. Ha prestato servizio a Roma, in Vaticano, dal 2000, prima presso il Pontificio Consiglio per la cultura, in qualità di collaboratore del cardinale Gianfranco Ravasi, mentre da qualche anno lavorava nella segreteria, ora dicastero, della Santa Sede per la comunicazione.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa