#SiamoQui: don Ramello (Piemonte-Valle d’Aosta), il Papa “ci ha ricordato che non esiste una vita piena senza Cristo”

Le parole del Papa? “Uno scossone fortissimo ad entrare nella verità e a non lasciarsi sfuggire la giovinezza quasi fosse sabbia tra le mani”. Don Luca Ramello, incaricato della pastorale giovanile del Piemonte e della Valle d’Aosta, commenta così i messaggi che Bergoglio ha voluto consegnare ai ragazzi ieri al Circo Massimo durante la Veglia e stamattina in piazza san Pietro poco prima dell’Angelus. “Nella linea che sta seguendo da Cracovia, il papa – rileva don Ramello – esorta i ragazzi a vivere in profondità, da protagonisti, ricordando che questo è possibile solo se la vita la si vive con Cristo, che è la condizione e non un’aggiunta”. “Non esiste una vita piena senza Cristo”, ribadisce il sacerdote sottolineando “che quando si è giovani si ha l’illusione che si possa fare tutto anche con la fede, mentre bisogna partire dalla fede, che è a monte”. Ecco allora che il papa, evidenzia, “chiede ai giovani di incontrare Cristo e di vivere rischiando”. “Ha parlato di sogni, che devono però – conclude – radicarsi in Cristo, che è il fondamento della verità e permette di essere felici”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa