Austria: si celebrano i 25 anni dalla fondazione del monastero benedettino europeo di Gut Aich

Inizieranno il 12 agosto le solenni celebrazioni di ringraziamento per i 25 anni dalla fondazione della “EuropaKloster Gut Aich”, a Sankt Gilgen, nel Salisburghese, appartenente alla Congregazione Benedettina d’Austria (Cba). È il 13º convento della Cba. L’importanza di “Gut Aich” è data dal fatto che è l’unico nato nell’ultima decade del XX secolo e che ha saputo coniugare le tradizioni della regola benedettina e lo spirito europeo di San Benedetto – patrono d’Europa – alle sfide contemporanee della società: 25 anni fa tre benedettini fondarono lil monastero europeo e, da allora, hanno cercato di servire l’Europa “per aprire le porte e abbattere i muri, essendo accoglienti e amichevoli con la gente e mantenendo rapporti di buon vicinato con tutti”, ha raccontato il priore e co-fondatore del convento, p. Johannes Pausch Osb, in una intervista sull’ultimo numero del settimanale diocesano di Linz, “Kirchenzeitung”. Perché “non c’è alternativa alla convivenza delle persone”. La scelta europeista come condivisione di valori è nata dall’idea che “quando hai fondato un monastero benedettino alla fine del ventesimo secolo, non puoi replicare l’impostazione di monastero barocco – ha detto il priore – ma ci deve essere qualcosa di nuovo che nasca. Devi imparare a capire le vecchie regole e a ri-realizzarle nella vita”. Dopo una serie secolare di passaggi di proprietà nel 2004 e undici anni di osservazione dalla fondazione, il monastero fu ufficialmente riconosciuto come monastero benedettino.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa