#PerMilleStrade: don Perlato (Sardegna), non un evento isolato, ma la tappa di un cammino

I pellegrinaggi e l’incontro di Roma rappresentano “la tappa di un cammino che abbiamo iniziato a percorrere a novembre scorso”. Don Enrico Perlato, incaricato regionale della pastorale giovanile della Sardegna, definisce così l’esperienza “Per mille strade” che in questi giorni vede protagonisti circa 800 giovani, ma la cui preparazione ha coinvolto parrocchie, diocesi, gruppi. “Nel nostro territorio, il Sinodo ha rimesso in moto molte pastorali giovanili. Gli incaricati hanno lavorato molto per motivare i parroci, le realtà locali e i ragazzi e prepararli al meglio”, spiega don Perlato sottolineando che i Cammini e la partecipazione all’incontro di Roma sono frutto di un lavoro quotidiano, durato l’intero anno. “Abbiamo iniziato – ricorda – con l’evento regionale a Mogoro con 1.200 giovani che è stata l’occasione per lanciare e spiegare il Sinodo, poi abbiamo proseguito con gli incontri interdiocesani che prevedevano un pellegrinaggio a un luogo significativo della zona interessata, un momento di festa e la messa con i vescovi”. Ora, racconta, questo nuovo appuntamento: “La scelta è stata quella di non proporre un itinerario unico, ma di lasciare libertà alle diocesi di organizzarsi all’interno del proprio territorio”. Stasera però, conclude il sacerdote, “tutti convergeranno nei porti di Cagliari e Olbia per imbarcarsi sulle navi, prenotate nel marzo scorso, per arrivare a Civitavecchia e quindi nella Capitale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa