Papa a Palermo: l’arcivescovo scrive a parroci e superiori delle comunità religiose, “un contributo economico per le spese dell’organizzazione”

“In occasione dello straordinario evento ecclesiale della visita del Santo Padre Francesco a Palermo, del 15 settembre 2018, nel 25° anniversario del martirio del beato don Giuseppe Puglisi, il Santo Padre, pellegrino in terra di Sicilia, porterà un messaggio di speranza e da Lui potremo, certamente, ricevere validi stimoli per il percorso futuro che ci attende”. Lo scrive l’arcivescovo di Palermo, mons. Corrado Lorefice, ai parroci, ai sacerdoti e ai superiori e superiore delle Comunità religiose che potranno partecipare a un incontro riservato al clero diocesano e religioso, ai membri della vita consacrata e ai seminaristi di tutta la Sicilia, nel pomeriggio del 15 settembre, in cattedrale. “Sullo stile delle precedenti visite papali, la Chiesa di Palermo si farà accogliente nei confronti delle migliaia di pellegrini che raggiungeranno il capoluogo da ogni parte della Sicilia, per offrire la possibilità di condividere questo momento storico – sottolinea l’arcivescovo -. L’evento, sebbene si svolgerà nella sobrietà che caratterizza la persona di Papa Francesco, richiede uno sforzo organizzativo adeguato anche all’attuale normativa in materia di pubblica sicurezza”. “Come si può facilmente comprendere, la diocesi, su cui ricade l’onere organizzativo ed economico – benché sia stata promessa una qualche forma di aiuto da parte delle istituzioni – non è in grado di sopportare da sola i costi relativi alla logistica e alla sicurezza, pertanto mi permetto – continua mons. Lorefice – di fare appello alla sollecitudine e alla generosità delle Comunità per un contributo economico che concorra a sostenere la spesa che l’organizzazione di un evento come questo richiede”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa