Web e minori: Casellati, “un Carta di Treviso 4.0 con un’azione legislativa imminente”

“Il mio auspicio è che ci sia una Carta di Treviso 4.0 con una azione legislativa imminente”. È quanto si legge in un messaggio inviato dal presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, inviato all’incontro “Coesione sociale, media e minori: la Carta di Treviso oggi”, che si è svolto ieri pomeriggio nella sede della Prefettura di Treviso. Ricordando il caso di Leonardo di Cittadella, un bambino conteso a forza dai genitori, il presidente del Senato afferma che “la deontologia professionale non è un optional, oggi il suo video è ancora in rete ed è alla portata di tutti”. A suo avviso, “non è, però, attraverso la demonizzazione del medium che si affrontano queste tematiche delicate”. “Urge avviare un’azione programmatica con una stesura di norme ad hoc”. Condanna netta di Alberti Casellati dell’immobilismo, che “quando si parla di minori è inammissibile”. “Mettiamoci dalla parte dei protagonisti: i bambini. Siamo sicuri che i nostri nipoti, figli siano pronti a sorridere, a farsi fare un selfie ed essere su tutti i social ed in rete inconsapevolmente? Riflettiamo. Considero incontri come questo passi avanti significativi come esempio di coesione sociale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori