Tratta: Unicef, “i bambini sono circa un terzo delle vittime a livello globale”

“Circa il 28% delle vittime di tratta identificate a livello mondiale sono bambini. In regioni come Africa Subsahariana e America Centrale e Caraibi, i bambini costituiscono una percentuale anche maggiore, rispettivamente il 64% e 62%”. Lo annunciano in una nota, in occasione della Giornata internazionale contro la tratta di esseri umani, che ricorre oggi, l’Unicef e il Gruppo di coordinamento inter-agenzia contro la tratta di esseri umani (Icat), che indicano come il numero di bambini vittime di tratta sia maggiore rispetto a quanto suggeriscono i dati attuali. “La realtà è che i bambini sono raramente identificati come vittime di tratta. Pochi si fanno avanti per paura dei trafficanti, mancanza di informazioni sulle opzioni disponibili, diffidenza nei confronti della autorità, paura di stigmatizzazione o per la possibilità di essere rimpatriati senza nessuna tutela e un supporto materiale limitato”, si legge nella nota. Secondo Unicef e Icat, i bambini rifugiati, migranti e sfollati sono categorie particolarmente vulnerabili alla tratta. “La tratta è una minaccia estremamente concreta per milioni di bambini nel mondo, soprattutto per quelli che sono stati costretti a lasciare le loro case e comunità senza una protezione adeguata”, dichiara il direttore generale dell’Unicef, Henrietta Fore. “Questi bambini – aggiunge – hanno urgentemente bisogno che i governi intensifichino e mettano in atto misure per tenerli al sicuro”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo