Diocesi: Grosseto, conclusa la prima giornata della raccolta di San Lorenzo. Riempite 287 scatole per oltre 3.200 chili di cibo donato

Riempite 287 scatole, contenenti oltre 3.200 chili di cibo a lunga conservazione (pasta, riso, zucchero, olio) già portati nella sede della Bottega della solidarietà, l’emporio con cui la Caritas consente a circa 80 famiglie in stato di indigenza di poter fare gratuitamente la spesa, grazie a una tessera a punti e a un percorso di presa in carico. È l’esito della prima giornata della quinta edizione della “Raccolta di San Lorenzo”, che si è svolta ieri. Si tratta del gesto di carità legato alla festa di san Lorenzo, patrono della città e della diocesi di Grosseto. Sono stati impegnati nell’arco della giornata 46 volontari in diversi supermercati. Con indosso la pettorina verde con la scritta Caritas diocesana, i volontari, molti dei quali giovani, hanno accolto all’ingresso dei supermercati coloro che si recavano a fare la spesa invitandoli ad aderire alla Raccolta. Hanno poi ritirato quanto la gente spontaneamente ha voluto acquistare e donare alla Caritas. Il vescovo di Grosseto, mons. Rodolfo Cetoloni, assieme al direttore della Caritas diocesana, don Enzo Capitani, nel corso della mattina ha fatto visita ai volontari per incoraggiarli e ringraziarli del loro servizio e per consegnare ai direttori dei singoli punti vendita una targa. Sabato 4 agosto la seconda giornata della Raccolta. “Ogni anno – sottolinea il vescovo – l’organizzazione della Raccolta di San Lorenzo richiede tanto impegno e dedizione, per i quali ringrazio ognuno dei volontari che generosamente si mettono a disposizione. L’impegno, però, vale perché questo gesto ci permette di ricordare a tutti che i poveri sono fratelli di cui farsi costantemente carico, a partire dai loro bisogni primari”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo