Sir: principali notizie dall’Italia e dal mondo. Dazi, accordo Usa-Ue. Trump su morte Marchionne. Espulso foreign fighter

Dazi: Trump annuncia accordo con Ue, “zero tariffe tranne che per auto”

“Oggi è un grande giorno per il commercio libero e leale. Con Jean-Claude Juncker abbiamo lanciato una nuova fase dei rapporti tra Stati Uniti e Unione europea”. Lo ha detto il presidente americano Donald Trump, al termine dell’incontro con il presidente della Commissione europea, annunciando l’accordo per ridurre progressivamente tariffe e sussidi commerciali. “Volevo raggiungere un accordo oggi e lo abbiamo fatto. La volontà è di arrivare a zero tariffe sui beni industriali”, ha confermato Juncker. Dal presidente degli Usa l’impegno di “risolvere” con l’Unione Europea la questione dei dazi sull’acciaio e l’alluminio. In cambio la Ue comprerà dagli Stati Uniti più gas naturale e più soia. Il presidente della Commissione europea ha confermato di avere raggiunto un accordo con Trump sul commercio. “L’obiettivo è quello di zero tariffe, zero barriere commerciali non tariffarie e zero sussidi sui beni industriali che non siano auto”.

Marchionne: Trump, “tra i più brillanti dopo Henry Ford”

“Sergio Marchionne è stato uno dei manager più brillanti e di successo dai giorni del leggendario Henry Ford”. Così il presidente statunitense, Donald Trump, ha ricordato il manager italiano scomparso ieri con un tweet. “È stato un onore per me aver potuto conoscere Sergio come presidente degli Stati Uniti – si legge -. Gli piaceva l’industria auto e ha combattuto duramente per lei. La sua mancanza sarà veramente sentita”.

Terrorismo: espulso un foreign fighter sloveno. In 70 allontanati nel 2018

È stato espulso dall’Italia un cittadino sloveno di 28 anni, inserito nella lista dei foreign fighter. La motivazione: “Motivi di sicurezza dello Stato e motivi imperativi di pubblica sicurezza”. Lo ha annunciato il Viminale. L’uomo è sospettato di essere stato responsabile di “arruolamento con finalità di terrorismo internazionale e di essere partito nel 2014 per la Siria allo scopo di combattere tra le fila dell’Isis”. Arrestato nell’ambito di un’indagine internazionale, lo sloveno era stato estradato verso l’Italia, dove è stato detenuto e sottoposto a monitoraggio carcerario. Dopo essere stato scarcerato, è stato subito accompagnato alla frontiera. Salgono così a 307 le espulsioni eseguite dal gennaio 2015, di cui 70 nel 2018.

Ilva: Tar Lazio, respinta la richiesta di accesso agli atti della Regione Puglia

Bocciata dal Tar del Lazio l’istanza della Regione Puglia: veniva chiesto l’accesso agli atti del procedimento relativo all’aggiudicazione della procedura di trasferimento dell’Ilva di Taranto alla Am Investco Italy. La Regione chiedeva, fra l’altro, di ricevere il piano industriale di AM InvestCo e la relativa documentazione presentati in sede di offerta. Per il Tar, la Regione non ha dimostrato che questi documenti possano contenere “informazioni ambientali autonomamente estraibili dal contesto generale e ulteriori e diversi da quelli desumibili dal contenuto del decreto del presidente del Consiglio impugnato per la fase di merito”. Inoltre, per il Tar, “non appare neanche censurabile la conclusione del Mise” secondo la quale il piano industriale di AMI esula dalla materia ambientale e riguarda “aspetti tecnici, operativi ed economici concernenti l’integrale attività del trasferito complesso produttivo”.

Facebook: titoli a picco, perso il 24%. In fumo 17 miliardi di dollari

Titoli a picco per Facebook nelle contrattazioni after-hours. Le azioni del social network perdono circa il 24% nonostante che i risultati del gruppo siano stati positivi anche se hanno disatteso le previsioni degli analisti. Nonostante il gruppo abbia chiuso i secondi tre mesi dell’anno con ricavi in aumento del 42% a 13,2 miliardi di dollari, la cifra è inferiore alle aspettative di ricavi di 13,4 miliardi. Inferiore alle attese anche la crescita degli utenti saliti dell’11% a 1,47 miliardi di amici al giorno contro un aumento previsto del 13% a 1,48 miliardi. L’utile netto del gruppo si è attestato a 5,1 miliardi. Le stime degli analisti indicano soltanto nella giornata di ieri una perdita di capitale pari a quasi 17 miliardi di dollari.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo