#PerMilleStrade: don Lamonea (Basilicata), “in cammino per uscire dalle comodità e metterci in gioco”

“Mettersi in cammino significa alzarsi dalle comodità e uscire dalle stanze in cui ci chiudiamo per cercare di mettersi in gioco”. Lo dice don Carmine Lamonea, responsabile della Pastorale giovanile della Conferenza episcopale della Basilicata presentando l’iniziativa “Per mille strade”, il cammino di preparazione all’incontro con Papa Francesco (11 e 12 agosto, Roma) in vista del Sinodo dei vescovi di ottobre. Saranno oltre 300 i giovani lucani che, dalle rispettive diocesi, si ritroveranno al Santuario di Santa Maria di Fonti, nei pressi di Tricarico, il 10 agosto, per un momento di riflessione e preghiera prima di partire per Roma. Secondo il responsabile della Pastorale giovanile regionale, c’è un forte nesso tra il cammino e il Sinodo. “Il cammino vuol dire crescita. I giovani sono sulla strada e cercano di capire quale direzione dare alla propria vita. Il cammino è fatica e sfida, tornare alle cose essenziali. Quindi, ha una teologia della vita straordinaria. Gesù era in cammino ed è compito di noi cristiani metterci in cammino con lui”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia