Libia: Msf, 11.800 persone intercettate in mare nel 2018. “Non devono essere riportate nei centri di detenzione”

Medici senza frontiere (Msf) chiede di “porre fine alla detenzione arbitraria di rifugiati, richiedenti asilo e migranti in Libia” dopo il drammatico aumento del numero di persone intercettate nel Mediterraneo dalla Guardia Costiera libica, supportata dall’Unione europea; almeno 11.800 persone sono state riportate in Libia solo quest’anno secondo le organizzazioni delle Nazioni Unite. Una volta sbarcate, le persone vengono trasferite in centri di detenzione non regolamentati lungo la costa. “Persone appena scampate a situazioni di vita o di morte in mare non dovrebbero essere trasferite in un pericoloso sistema di detenzione arbitraria” ha detto Karline Kleijer, responsabile delle emergenze per Msf. “Molti di loro hanno già sofferto terribili livelli di violenza e sfruttamento in Libia e durante gli estenuanti viaggi dai loro Paesi d’origine”. I programmi di evacuazione gestiti dall’Agenzia delle Nazioni Unite per le migrazioni (Oim) e dall’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) per aiutare rifugiati e migranti a uscire dalla detenzione arbitraria sono stati rafforzati l’anno scorso “ma riescono ad aiutare solo una piccola parte della popolazione rifugiata e migrante in Libia”, osserva Msf. Come conseguenza dell’aumento delle intercettazioni in mare, le équipe di Msf a Misurata, Khoms e Tripoli riscontrano un netto aumento nel numero di rifugiati, migranti e richiedenti asilo bloccati nei centri di detenzione già sovraffollati. “A Khoms ci sono oltre 300 persone, tra cui bambini molto piccoli, rinchiuse in un centro di detenzione sovraffollato. Il caldo è asfissiante, non c’è areazione e l’accesso ad acqua potabile pulita è scarso – è acqua salata mista a liquami” dice Anne Bury, vice coordinatore medico di Msf in Libia. “La situazione nei centri di detenzione è insostenibile, il clima è molto teso, le persone sono esposte ad abusi di ogni sorta. Le persone sono disperate, vediamo ferite e fratture. Alcune tentano di fuggire, altre fanno lo sciopero della fame”. Questa situazione è il risultato del tentativo dei governi europei di impedire a qualunque costo a rifugiati, migranti e richiedenti asilo di raggiungere l’Europa. “La Libia non può essere considerata una soluzione accettabile per prevenire gli arrivi in Europa” ha detto Kleijer di Msf. “Rifugiati, richiedenti asilo e migranti intercettati in mare non devono essere riportati in Libia e non devono essere detenuti nel paese su basi arbitrarie e in condizioni disumane”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia