Incendi in Grecia: Caritas, “situazione drammatica, aiuti e alloggi alle famiglie più bisognose”. Al via raccolta fondi

A seguito dei violenti incendi che hanno devastato la Grecia con 100 morti, oltre 500 feriti e 1.500 case distrutte, sin dai primi momenti Caritas Grecia si è attivata in coordinamento con le autorità locali mettendo a disposizione un primo stock di generi di prima necessità (vestiti, medicine, cibo, ecc.) e al momento sta effettuando sopralluoghi nelle zone più colpite per definire nel dettaglio gli interventi di emergenza. “Ogni ora che passa ci rendiamo sempre più conto di quanto sia drammatica la situazione – ha dichiarato Maria Alverti, direttrice di Caritas Grecia –, faremo tutto il possibile per tentare di alleviare le sofferenze di chi è stato colpito da questa tragedia, in particolare le famiglie più bisognose”. Particolarmente difficile la situazione di coloro che, già duramente colpiti dalla crisi economica e indebitati, hanno perso negli incendi sia l’abitazione che il posto di lavoro. Per loro Caritas Grecia prevede un’azione di sostegno specifica anche dal punto di vista psicologico. Sono stati inoltre messi a disposizione diversi alloggi nelle strutture di accoglienza Caritas per offrire un riparo immediato, ma anche di medio-lungo termine, alle tante famiglie sfollate, tra cui anche la Neos Kosmos Social House e gli appartamenti dell’Ordinariato Armeno ristrutturati da Caritas italiana per l’emergenza profughi del 2015, grazie ad un contributo della Cei. Caritas italiana è in coordinamento con Caritas Grecia in questa nuova emergenza nazionale, per un accompagnamento ai progetti attivi che, in base alle esperienze passate, sarà necessario sostenere per diversi anni e comprenderanno azioni sia di carattere sociale che ambientale. Dal 2012 in particolare Caritas Italiana collabora con Caritas Grecia in vari progetti di aiuto alla popolazione greca, colpita dagli effetti della crisi economica, anche attraverso la costruzione di “Gemellaggi solidali”, e di supporto all’accoglienza dei migranti lungo la rotta del “corridoio balcanico”. Caritas Italiana supporta inoltre il “Progetto E.L.BA: emergenza lavoro nei Balcani” ed è attiva in Grecia anche attraverso progetti di servizio civile, con la presenza di due giovani “caschi bianchi” da tre anni, che si affiancano ai numerosi volontari locali in azioni di solidarietà. È possibile sostenere gli interventi di Caritas italiana (Via Aurelia 796 – 00165 Roma), utilizzando il conto corrente postale n. 347013, o tramite donazione on line, o bonifico bancario (causale “Grecia – Emergenza incendi”).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia