Sir: principali notizie dall’Italia e dal mondo. Migranti, altra tragedia nel Mediterraneo. Messico, Obrador nuovo presidente. Seehofer minaccia tenuta governo tedesco

Migranti: altra tragedia nel Mediterraneo. 63 persone disperse, 41 tratte in salvo

Una nuova tragedia si è consumata ieri nel Mediterraneo, al largo della Libia. A dare notizia di un naufragio con a bordo un centinaio di migranti è stato l’Unhcr Libia che, attraverso il proprio profilo Twitter, ha riferito che “63 persone risultano disperse oggi dopo che il barcone su cui viaggiavano si è capovolto. Altre 41 persone sono state tratte in salvo dalla guardia costiera a largo di Zwara”.

Messico: ad Andres Manuel Lopez Obrador le elezioni presidenziali

Vittoria schiacciante per Andres Manuel Lopez Obrador, candidato di Morena alle elezioni presidenziali messicane. Al “populista” di sinistra, secondo i dati ufficiali andrebbe oltre il 52% dei voti, staccando nettamente Ricardo Anaya (Pan-Prd) con il 24% e José Antonio Meade (Pri) con il 14,8%. E se Meade, candidato della forza politica attualmente al potere, ha riconosciuto la sconfitta, ad Obrador sono arrivate le “congratulazioni” da parte del presidente americano Trump che, con un tweet, ha affermato che “non vedo l’ora di lavorare con lui. C’è molto che può essere fatto per portare benefici sia agli Stati Uniti che al Messico!”. A spingere Obrador, primo presidente di sinistra in Messico dopo decenni, verso la vittoria sarebbero stati i voti di giovani e anziani. Nel suo primo discorso pubblico dopo vittoria, “Almo” – come lo chiamano i sostenitori – ha invitato “alla riconciliazione e a mettere davanti agli interessi personali, per quanto legittimi, l’interesse superiore e generale”. La coalizione da lui guidata “non punta a costruire una dittatura” e garantisce “libertà di espressione, imprenditoriale e religiosa”.

Germania: possibile crisi di governo. Seehofer vuole dimettersi per la questione respingimenti

Non è ancora scongiurata la crisi di governo in Germania, legata alla questione dei respingimenti dei migranti. Decisivo sarà il vertice di maggioranza in programma in mattinata tra Cdu e Csu. Horst Seehofer, attuale presidente della Csu e ministero dell’Interno, avrebbe offerto le dimissioni al partito, dopo che la cancelliera Angela Merkel ha escluso i respingimenti immediati dei migranti al confine. A poco più di 100 giorni dal varo, la prosecuzione del governo tedesco guidato dalla Merkel è a rischio per via del fatto che gli accordi bilaterali tra Berlino e altri Paesi europei disposti ad accogliere i migranti espulsi dalla Germania sono considerati insufficienti da Seehofer, sostenitore di respingimenti immediati e unilaterali alle frontiere.

Criminalità/1: Palermo, 17 fermi per tratta di migranti e traffico di armi

Associazione per delinquere transnazionale finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, al traffico di armi da guerra e al riciclaggio di diamanti, oro e denaro contante. Sono questi i reati, contestati a vario titolo, di cui sono accusate 17 persone fermate dai Carabinieri del Nucleo informativo di Palermo, su disposizione della Direzione distrettuale antimafia. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, l’organizzazione criminale aveva rapporti con Cosa nostra, a cui vendeva armi, e col gruppo paramilitare albanese Nuovo Uck, legato ad ambienti jihadisti.

Criminalità/2: blitz contro la Sacra corona unita a Lecce, 33 in manette. Arresti per mafia in diverse città italiane

Sono 33 le persone finite in carcere al termine di un blitz contro la Sacra corona unita eseguito dai Carabinieri nella provincia di Lecce. A finire in manette sono gli esponenti di due gruppi criminali federati al clan “Tornese” di Monteroni, accusati di associazione mafiosa, traffico di stupefacenti, estorsione, detenzione e porto abusivo di armi e altri reati aggravati dal metodo mafioso. Le indagini hanno consentito di ricostruire gli assetti organizzativi dei gruppi salentini della Sacra corona unita e i tentativi d’infiltrazione in alcuni settori economici del litorale di Gallipoli, in articolare in quello ittico e dei servizi di sicurezza in locali pubblici.
Nelle stesse ore i Carabinieri di Caltanissetta hanno condotto un’operazione contro la famiglia mafiosa di Riesi, con numerosi arresti per associazione mafiosa, omicidi, estorsioni e droga. I provvedimenti cautelari, emessi dalla Direzione distrettuale antimafia, oltre la provincia di Caltanissetta sono stati eseguiti anche a Monza, Ascoli Piceno e in alcuni case di reclusione.

Cultura: Ivrea è il 54° sito Unesco italiano. Premiata la concezione di Olivetti

“Ivrea città industriale del XX secolo” è il 54° sito italiano ad essere iscritto nella lista del Patrimonio mondiale dell’Unesco. La decisione è arrivata nel corso dei lavori del 42° Comitato del Patrimonio mondiale che si sta svolgendo a Manama, in Bahrein, dal 24 giugno fino al 4 luglio. Per Alberto Bonisoli, ministro dei Beni e delle attività culturali, si tratta di “un riconoscimento che va a una concezione umanistica del lavoro propria di Adriano Olivetti”. “Progettato da importanti urbanisti e architetti italiani, per lo più tra il 1930 e il 1960, questo complesso architettonico – si legge nel comunicato pubblicato sul sito dell’Unesco – riflette le idee del Movimento Comunità. Un progetto sociale modello, Ivrea esprime una visione moderna del rapporto tra produzione industriale e architettura”.
Rinviato invece al 2019 l’inserimento tra i siti Unesco delle colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, nel Trevigiano.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa