This content is available in English

Serbia: visita del card. Parolin. “Visita di Papa Francesco potrà realizzarsi quando ci saranno le condizioni”

Il cardinale Parolin benedice la nuova sede della Conferenza episcopale internazionale "Ss. Cirillo e Metodio". Nell'altra foto con il patriarca Irinej

“Una visita di Papa Francesco in Serbia potrà realizzarsi quando ci saranno le condizioni e quando tutti saranno d’accordo”. Lo ha detto ai giornalisti a Novi Sad (Serbia) il cardinale Pietro Parolin rispondendo alla domanda su una eventuale visita del pontefice nel Paese balcanico. Dal 30 giugno al 1° luglio il Segretario di Stato vaticano è stato in Serbia. Il cardinale ha aggiunto che si unisce “al desiderio di tanti che attendono una visita di Papa Francesco ma anche se le condizioni sono migliorate rispetto a prima, ancora non c’è il quadro completo per la visita”. Durante il suo soggiorno, Parolin ha avuto un “incontro cordiale con il patriarca serbo Irinej”, riporta il sito del Patriarcato serbo affermando che i due hanno discusso su diversi temi di comune interesse della vita della Chiesa cattolica e della Chiesa ortodossa. Per realizzare una visita pontificia a Belgrado si apprende che per ora manca il consenso da parte del Santo Sinodo della chiesa ortodossa serba. Inoltre ieri a Novi Sad il segretario di Stato vaticano ha benedetto la nuova sede della Conferenza episcopale internazionale “Ss. Cirillo e Metodio”, definendola “un segno ulteriore della presenza della Chiesa cattolica in Serbia”. Al rito hanno partecipato tutti i vescovi-membri della conferenza. Durante la messa celebrata nella chiesa “Nome di Maria” e trasmessa sul canale della tv regionale Vojvodina, il cardinale Parolin ha invitato i cattolici a “promuovere e rafforzare ancora i rapporti con le altre Chiese cristiane”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa