Repubblica Centrafricana: è morto il vicario di Bambari dopo attacco ribelli. Vescovi, “condanniamo con fermezza” uccisioni di sacerdoti

È morto in seguito alle ferite riportate nella notte tra venerdì 29 e sabato 30 giugno il vicario di Bambari, Repubblica Centrafricana, mons. Firmin Gbagoua, quando un gruppo di ribelli hanno attaccato l’episcopio. A renderlo noto un comunicato della Conferenza episcopale centrafricana che riferisce della morte con “grande amarezza” e “condanna con fermezza” le uccisioni di sacerdoti che stanno avvenendo nel Paese. Nel messaggio dei vescovi si fa riferimento in particolare a un altro “odioso assassinio”, quello di don Joseph Angbabata, ucciso a marzo a Seko. I vescovi fanno appello al governo e alle forze Onu della Minusca perché “coordinino le loro azioni in modo che gli autori di questi assassinii siano arrestati e condotti davanti alla giustizia” e si domandano “chi tragga beneficio da tutte queste violenze contro la Chiesa cattolica in Centrafrica”. I vescovi esortano inoltre “tutta la comunità cristiana a restare calma” e a non “cadere nella trappola di coloro che vogliono mostrare che cristiani e musulmani non possono più vivere insieme” al fine di “dividere la nazione centrafricana”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa