Papa Francesco: Angelus, appelli per Nicaragua, Siria, Etiopia ed Eritrea

“Rinnovando la mia preghiera per l’amato popolo del Nicaragua, desidero unirmi agli sforzi che stanno compiendo i Vescovi del Paese e tante persone di buona volontà, nel loro ruolo di mediazione e di testimonianza per il processo di dialogo nazionale in corsosulla strada della democrazia”. Così Papa Francesco dopo l’Angelus: “Rimane grave la situazione in Siria, in particolare nella provincia di Daraa, dove le azioni militari di questi ultimi giorni hanno colpito anche scuole e ospedali, e hanno provocato migliaia di nuovi profughi. Rinnovo, insieme con la preghiera, il mio appello perché alla popolazione, già duramente provata da anni, siano risparmiate ulteriori sofferenze”.

Quindi, ha proseguito il Papa, “in mezzo a tanti conflitti, è doveroso segnalare una iniziativa che si può definire storica – e si può dire anche che è una buona notizia: in questi giorni, dopo vent’anni, i governi di Etiopia ed Eritrea sono tornati a parlare insieme di pace. Possa tale incontro accendere una luce di speranza per questi due Paesi del Corno d’Africa e per l’intero continente africano”. Infine, Francesco assicura “la mia preghiera anche per i giovani dispersi da oltre una settimana in una grotta sotterranea in Thailandia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa