#EXCO2019: Marrapodi (Maeci), “settore privato può giocare ruolo primario in linea con obiettivi Agenda 2030”

“Con il suo know how di conoscenze, il mondo imprenditoriale può recare vantaggio alla cooperazione internazionale”. E’ importante “per il mondo dell’impresa italiana attuare un cambio di paradigma che veda il settore privato giocare un ruolo primario nella cooperazione internazionale, settore che può offrire interessanti opportunità di sviluppo economico per imprese interessate ad investire in contesti difficili seguendo un approccio inclusivo, articolato e sostenibile in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030”. Ad affermarlo Giorgio Marrapodi, direttore generale per la cooperazione allo sviluppo del ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale (Maeci), intervenuto questa mattina alla presentazione, presso il dicastero, di Exco2019 – l’Expo della cooperazione internazionale, la prima e unica Fiera, a livello internazionale, rivolta alla cooperazione secondo il punto di vista delle aziende, oltre che delle istituzioni. Aperta dal 15 al 17 maggio 2019 a Fiera Roma, Exco2019 prevede 30 mila metri quadrati di esposizione per prodotti e servizi, con spazi preposti agli incontri, coordinati da un’innovativa piattaforma online MyAgenda dove sarà possibile un incontro tra domanda e offerta tra imprese, buyer e tutti i principali soggetti attivi in questo settore. Un programma ricco di seminari, workshop e dibattiti dedicati all’ambito della cooperazione, ma soprattutto un’occasione per agevolare relazioni e accordi che consentano lo sviluppo di iniziative e progetti, il sostegno degli investimenti e il coordinamento delle strategie sostenibili di intervento nel settore. Per Marrapodi, la legge di riforma della cooperazione “del resto prevede e sostiene il ruolo del settore privato”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa