Riforme istituzionali: Fico, “se ci devono essere, auspico che partano dal Parlamento”

“Su modifica costituzione e modifica della legge elettorale auspico che non siano riforme che partano dal Governo ma, se ci devono essere, che partano dal Parlamento”. Lo ha affermato il presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico, nel corso della cerimonia di consegna del Ventaglio da parte dell’Associazione stampa parlamentare. Fico ha auspicato anche che “la modifica della legge elettorale, se il Parlamento la vuole fare, non si faccia gli ultimi sei mesi prima di andare al voto” ma “in tempi non sospetti”. Fico ha ribadito che “va fatta assolutamente” una riforma del regolamento della Camera. Il presidente ha parlato anche del “cambio di casacca” che “nella scorsa legislatura è stato un problema”: “Si può non toccare il vincolo di mandato ma lavorare sul regolamento per disincentivare i cambi di casacca”. E, rispetto al ruolo politico del presidente della Camera, Fico ha osservato che come terza carica dello Stato “non posso non andare nei luoghi di sofferenza” del Paese. “Nei luoghi degli ultimi ci sarò sempre”, ha aggiunto, con un atteggiamento di “solidarietà attiva, ascolto, comprensione, dialogo, cooperazione” che sono “alla base per fare una politica di pace”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo