Paolo Borsellino: a Palermo una messa per le vittime della strage di via D’Amelio. Don Scordato, “chiediamo che venga soddisfatto il desiderio di verità”

“Il dono del Signore passa attraverso la testimonianza dei nostri martiri della giustizia, beati i perseguitati per causa della giustizia. Oggi chiediamo che venga soddisfatto il desiderio di verità, che tutti noi condividiamo”. Lo ha detto don Cosimo Scordato al termine della messa celebrata oggi nella chiesa di san Francesco Saverio, di cui è parroco, all’Albergheria, a Palermo. Una celebrazione eucaristica durante la quale si sono ricordati Paolo Borsellino e gli agenti della scorta, uccisi 26 anni fa dalla mafia in via D’Amelio. “La verità possa risplendere nella sua pienezza e farsi luce fino in fondo, non per desiderio di vendetta, ma per liberarci di quelle ombre e tenebre che ancora dopo tutti questi anni, accompagnano la nostra vita”, ha aggiunto il sacerdote. Rivolgendosi a “chi ha commesso delle omissioni”, don Scordato ha affermato che “non solo le azioni implicano una responsabilità, ci sono anche le omissioni, per le quali si è ugualmente responsabili”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo