Acqua pubblica: Fico, “non possiamo permettere che si faccia profitto”. “Lego mia presidenza ad approvazione legge”

“Sui beni comuni non può essere fatto profitto”. Lo ha affermato il presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico, nel corso della cerimonia di consegna del Ventaglio da parte dell’Associazione stampa parlamentare. Ricordando che la sua “anche breve stoia politica” è nata proprio dalla difesa dell’acqua pubblica, Fico ha ribadito che “lego la mia presidenza all’approvazione di una legge definitiva, seria e sostanziale sull’acqua pubblica. Fuori da ogni tipo di logica di società sia pubblica che privata, con istituti di diritto pubblico, con una governance partecipata, con società di diritto pubblico in house”. “La gestione – ha spiegato – rimane totalmente in mano pubblica e ai cittadini. È una questione culturale: su beni comuni come l’acqua, beni che servono alla nostra vita, non possiamo permettere che si faccia profitto. E quel che si fa, va reinvestito totalmente nella gestione, nella depurazione dell’acqua, nelle reti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo