Dialogo interreligioso: presentata a Bologna la 32ª edizione di “Ponti di pace” promossa da Comunità di Sant’Egidio e arcidiocesi

La città di Bologna, crocevia di incontro e tra i popoli e sede europea di antica cultura, ospiterà dal 14 al 16 ottobre la 32ª edizione di “Ponti di pace. Religioni e culture in dialogo”. L’appuntamento, organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio e dall’arcidiocesi di Bologna è stato presentato quest’oggi a Bologna alla presenza dell’arcivescovo Matteo Zuppi. Come da tradizione, il convegno si articolerà in un’assemblea plenaria di apertura al Centro congressi della Fiera, nel pomeriggio di domenica 14 ottobre, quindi una serie di panel tematici nel cuore della città, il 15 e 16 mattina. A conclusione la cerimonia finale in piazza Maggiore, il pomeriggio di martedì 16 ottobre. Tra i temi che saranno affrontati nei panel ci sono la globalizzazione, le guerre dimenticate, lo “spirito di Assisi” e la geopolitica del dialogo, il “diritto alla cultura”, i cristiani e i poveri e i giovani e la pace. Si parlerà anche di migrazioni e futuro del mondo e di Europa dei popoli, Europa dello spirito. Spazio alla storia con un’analisi del dramma di Auschwitz, alla figura di Giovanni Paolo II “il Papa del dialogo” e verrà offerto uno sguardo anche su “Europa e Africa, un’alleanza per il futuro”. Saranno presenti, tra gli altri, Ahmad Muhammad Al-Tayyeb, Grande Imam di Al-Azhar (Egitto), Haim Korsia, rabbino capo di Francia, Riccardo Di Segni, rabbino capo di Roma, la senatrice Liliana Segre, i cardinali Orlando Beltran Quevedo (arcivescovo di Cotabato, Filippine) e Vinko Puljic (arcivescovo di Vrhbosnia-Sarajevo, Bosnia e Erzegovina), Romano Prodi, il sociologo Giuseppe De Rita e il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio. Sono attesi anche il vescovo luterano Gerhard Ulrich, presidente del Velkd (Germania), e Bernice King, pastore battista e figlia di Martin Luther King (Usa).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo