Trump-May: dopo Brexit “ambizioso accordo commerciale” tra Usa e Regno Unito

Stati Uniti e Regno Unito legati “da una partnership destinata a crescere”: è la sintesi dei colloqui di questi giorni tra il presidente Donald Trump e la premier Teresa May, come descritti dalla premier britannica oggi nella conferenza stampa a Chequers. May ha ringraziato Trump per “il sostegno nel rispondere all’uso spaventoso del gas nervino a Salisbury”, contenta per il fatto che Trump incontrerà Putin a Helsinki lunedì prossimo. I due leader “vogliono andare più avanti” nelle relazioni commerciali e si sono accordati che “quando il Regno Unito lascerà l’Unione europea si metterà in piedi un ambizioso accordo commerciale Usa-Uk”. E poi: “Sulla scena mondiale la nostra forte relazione ci impone di dire a volte cose difficili, che altri non hanno voglia di dire”; ad esempio sulla minaccia nucleare, il ruolo destabilizzante dell’Iran in Medio Oriente, la Nato: “È nella nostra responsabilità garantire che l’unità della relazione transatlantica sia mantenuta”. “Una celebrazione della speciale relazione tra i nostri due popoli” è per Donald Trump quella che si è realizzata nel suo soggiorno britannico con la “graziosa ospitalità” che la premier May ha riservato a Trump e alla moglie Melania. La relazione tra Usa e Gb è “indispensabile per la causa della libertà, della giustizia, della pace” e deriva da storia, lingua, eroi condivisi. Trump ha ringraziato May per il suo sostegno nella campagna per la denuclearizzazione della Corea del Nord. “Dobbiamo fermare il terrorismo” e il finanziamento al terrorismo, “adesso”, tra le priorità più volte ritornata nel discorso di Trump. Uniti anche nella consapevolezza che la “sicurezza dei confini” è di prioritaria importanza. “Negli Usa abbiamo bisogno di recuperare un paio di voti dai democratici perché possiamo far approvare una politica significativa e forte di controllo delle frontiere”.

“Qualunque cosa la Gb farà con l’Ue per me va bene, nella misura in cui possiamo commerciare insieme” ha aggiunto Trump: “Una Gran Bretagna forte e indipendente, come un’America forte e indipendente è certamente una benedizione per il mondo”. “Non l’ho criticata, ho molto rispetto per lei. Ho solo chiesto a Teresa che posiamo commerciare senza restrizioni” ha detto Trump rispondendo a una domanda su dichiarazioni dei giorni scorsi critiche sul piano Brexit portato avanti dalla premier. “Alla fine dei negoziati faremo in modo che finiscano la libera circolazione delle persone, la giurisdizione della Corte europea, i nostri obblighi di inviare soldi ogni anno all’Ue”, ha rassicurato May. Interrogato sull’incontro con il presidente Putin, Trump ha spiegato che il tema principale sarà il nucleare: “Avere buone relazioni con la Russia e la Cina è una cosa positiva”. Sulla Crimea: “Il presidente Obama ha fatto un errore incredibile”, se “fossi stato presidente io non l’avrebbe occupata”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo