Venezuela: vescovi, “laicato faccia sentire la sua voce ed entri nella vita politica”. Rafforzare iniziative di aiuto e solidarietà

La Parola di Dio ci assicura che Dio è sempre a fianco del suo popolo, in special modo nelle ore più difficili. Si richiamano al libro dellEsodo i vescovi venezuelani nella terza e quarta parte dellesortazione pastorale “Non temere, perché io sono con sono con te”, diffusa al termine dell’assemblea plenaria. Dopo aver fatto riferimento alla Parola, la Chiesa venezuelana precisa i contorni del suo attuale e futuro intervento nella vita sociale e nel portare aiuto ai bisognosi. La Chiesa – si legge nellesortazione – non pretende di sostituirsi, nel suo ruolo e nella sua vocazione, a coloro che si occupano di politica. Non aspira ad egemonizzare il panorama sociale e neppure a diventare forza di governo o di opposizione. Tuttavia, stimola il laicato, debitamente formato e cosciente dei suoi doveri e diritti di cittadinanza, a far sentire la sua voce e a intervenire attivamente nella competizione politica, con il fine che gli alti principi e valori che la fede cristiana ci trasmette siano vissuti anche in ambito pubblico e si traducano in azioni che guardano al bene comune. In particolare, in una situazione così difficile, incoraggiamo la società civile a offrire i propri talenti e capacità per ricercare soluzioni. Daltra parte, proseguono i vescovi, esortiamo le diverse organizzazioni della società civile e dei partiti politici a esigere la restituzione del potere sovrano al popolo, utilizzando tutti i mezzi previsti dalla nostra Costituzione (referendum consultivi, manifestazioni e altro).

Il documento prosegue con un invito alle forze armate a mantenersi fedeli al giuramento fatto davanti a Dio e alla patria di difendere la Costituzione e la democrazia. E nellultima parte ribadisce linvito alla solidarietà, facendo presente che le diocesi e le varie istituzioni ecclesiali hanno dato vita a una diffusa campagna di aiuto a coloro che sono più bisognosi, specialmente per quanto riguarda lalimentazione e laccesso ai medicinali. Unazione da proseguire e rafforzare, con lappoggio generoso di tanti fedeli. Senza però dimenticare, come già ribadito altre volte, la necessità di una trasformazione strutturale della società venezuelana. I vescovi concludono l’esortazione con un invito a non disarmarci mai di fronte alle sfide di un presente incerto e difficile. Al contrario, posta la nostra fiducia in Dio, rafforziamo le richieste a favore di giustizia e libertà. Per animare la speranza, possono essere importanti anche eventi di religiosità popolare, oltre al concreto esercizio della prossimità e della carità.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia