Rifiuti: Istat, il 69,9% delle famiglie ritiene di sostenere un costo elevato per la raccolta. Maggiore insoddisfazione nelle Isole

Nel 2017 il 69,9% delle famiglie ritiene di aver sostenuto un costo elevato per la raccolta dei rifiuti, il 25,6% lo giudica adeguato. Si stima che le famiglie residenti nelle Isole siano le più insoddisfatte: giudicano elevato il costo nell’83,4% dei casi, quota che scende al 61,1% nelle regioni del Nord-est. Lo comunica oggi l’Istat diffondendo i dati relativi alla “Raccolta differenziata dei rifiuti: comportamenti e soddisfazione dei cittadini e politiche nelle città” riferiti al biennio 2016-2017. Per quanto riguarda il servizio di raccolta porta a porta dei rifiuti, si definisce molto soddisfatto il 26,3% delle famiglie italiane (il 35,2% nel Nord-ovest e il 31,9% nel Nord-est). Al di sotto della media nazionale le altre ripartizioni geografiche: 17,6% al Sud, 19,9% al Centro e 20,6% nelle Isole.
I motivi di insoddisfazione “del porta a porta” sono prevalentemente legati agli orari di raccolta dei rifiuti (94,3%) e alla convinzione che non sia utile raccogliere i rifiuti in modo differenziato (89,6%).
“Per migliorare, in termini quantitativi e qualitativi, la partecipazione alla raccolta differenziata – nota l’Istat – il 93,4% delle famiglie vorrebbe maggiori informazioni su come separare i rifiuti; il 93,3% centri di riciclo e compostaggio più numerosi ed efficienti; l’83,3% detrazioni e/o agevolazioni fiscali o tariffarie, già esistenti in alcune aree del Paese”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia