Frati minori: fra Perry (ministro generale), “non stancarci di cercare il Vangelo, la penitenza per superare l’amnesia”

“Cercare senza stancarci mai quel ‘libro’ forse andato perduto o magari dimenticato in qualche magazzino pieno di polvere: la nostra Vita e Regola, ossia il Vangelo di Gesù Cristo, la persona stessa di Gesù Cristo, che ha ispirato Francesco e oggi continua a ispirare anche noi”. È l’invito pronunciato da fra Michael A. Perry, ministro generale dell’Ordine dei Frati minori, ai confratelli nell’omelia che ha concluso il Consiglio plenario dell’Ordine che si è svolto nei giorni scorsi a Nairobi. Dopo aver invitato tutti a “fare memoria” per essere “guida autorevole della vita di fede del popolo” e a essere “profeta di verità” per “non smettere mai di produrre buoni frutti”, fra Perry ha incoraggiato i frati ad “adottare un atteggiamento penitenziale in modo da superare l’eventuale amnesia che, come Ordine e come consacrati, può averci fatto dimenticare il nostro primo amore”. Quindi, l’invito a “metterci in cammino per seguire il Signore e osservare i suoi comandi, le istruzioni e le leggi con tutto il cuore e con tutta l’anima”, ad “aprire il nostro cuore alla voce dello Spirito”. “Solo così potremo veramente produrre buoni frutti non per merito nostro ma solamente grazie alla bontà del Signore”. Infine, uno sprone al coraggio: “Anche se la perplessità o la paura busseranno alla porta del nostro cuore, non temete, fratelli: il Signore ci ricondurrà al luogo dove tutto ha avuto inizio e ci darà modo di riscoprire le meraviglie del primo amore e la grazia delle origini”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo