Papa Francesco: a pellegrinaggio Macerata-Loreto, “la felicità consiste nell’amare Dio”

(da Macerata) L’aveva promesso mercoledì scorso, in occasione della benedizione della Fiaccola della Pace in piazza San Pietro, e anche quest’anno è riuscito a scaldare i cuori delle centinaia di pellegrini radunati allo stadio Helvia Recina di Macerata, pronti per mettersi in cammino a piedi verso la Santa Casa di Loreto. Papa Francesco non ha disatteso le aspettative per il quarantesimo pellegrinaggio promosso dal Comitato organizzatore di Comunione e Liberazione e, puntuale come nelle ultime edizioni, alle 20.30, prima della celebrazione eucaristica presieduta dal card. Marc Ouellet, ha voluto rivolgere il proprio incoraggiante e affettuoso messaggio ai partecipanti. “Vi saluto tutti, un abbraccio a ciascuno, anche ai vescovi”, ha esclamato il Santo Padre in diretta telefonica con mons. Giancarlo Vecerrica, vescovo emerito di Fabriano-Matelica e ideatore della proposta nata come gesto di ringraziamento da parte degli studenti alla Madonna al termine dell’anno scolastico. Prima dell’inizio del percorso che, durante la notte, vedrà migliaia di fedeli – 100mila le partecipazioni attestate lo scorso anno, secondo le cifre divulgate dalla questura – attraversare le colline marchigiane nei 28 chilometri che separano il capoluogo maceratese dalla Basilica lauretana, il Pontefice, in uno scroscio di applausi, si è rivolto specialmente ai giovani, impartendo poi la benedizione a tutti i pellegrini. “La vita è un cammino – ha ripetuto a più riprese il Santo Padre -, dove ogni giorno bisogna guardare avanti compiendo un passo in più: questa è la vera fecondità dell’esistenza umana. È un bel segnale vedere così tanti ragazzi mettersi in movimento, perché la gioventù non può stare ferma, deve cercare l’orizzonte della felicità. E la felicità, ricordate bene, non è un bene che si può comprare al supermercato, non si trova nel chiacchiericcio o peggio ancora nelle guerre: la felicità consiste nell’amare Dio, è qualcosa che nasce dall’amare il prossimo e dall’essere amati”. Infine, da parte del Pontefice l’augurio speciale ai presenti per “un buon cammino e una santa notte fino all’incontro domattina con la Madonna a Loreto”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa