Diocesi: mons. Delpini (Milano) ordina 29 sacerdoti, “siete servi dell’inquietudine”

“Voi, ordinati per il ministero, siete solo dei servi. Voi siete i servi dell’inquietudine”. Lo ha detto l’arcivescovo di Milano, mons. Mario Delfini, durante l’omelia della celebrazione eucaristica, che ha presieduto oggi nel duomo di Milano, in cui ha ordinato 29 nuovi sacerdoti, 23 seminaristi della diocesi di Milano e sei religiosi. A concelebrare la messa, l’arcivescovo emerito card. Angelo Scola, e altri 300 sacerdoti. Rivolgendosi ai neo-sacerdoti, mons. Delpini ha detto che “voi siete incaricati di quella parola, di quella presenza, di quell’inquietudine che visita il figlio lontano, il figlio fallito, il figlio desolato, il figlio perso nella sua vita dissoluta per suscitare in lui la nostalgia di casa”. E ancora: “Voi siete mandati là dove abitano i figli amati per una parola originale e inquietante, per quel rientrare in se stessi che oggi sembra proibito e impraticabile – ha aggiunto il presule -, per quell’invito che convince a conversione perché libera dalla disperazione e annuncia che c’è un Padre che aspetta”. Alla celebrazione nel duomo gremito erano presenti oltre ai familiari dei neo-presbiteri, gli amici, i fedeli delle parrocchie dove sono nati e prestano servizio. “Voi siete servi dell’inquietudine che convince al cammino, che propone il rientro a casa e apre alla sorpresa di essere attesi dalla festa che Dio”, ha concluso mons. Delpini.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa