Beato Nunzio Sulprizio: mons. Valentinetti (Pescara), “esempio per tutti i giovani”

“Questa bella notizia cade nell’anno sinodale dedicato ai giovani. La fede tenace e paziente del giovane abruzzese, la capacità di riconoscere la presenza di Dio anche nelle avversità della vita e nel dolore e la testimonianza legata alla gioiosa condivisione e al sostegno amorevole sono, senza dubbio, un esempio per tutti i suoi coetanei”. Lo dichiara l’arcivescovo di Pescara-Penne, mons. Tommaso Valentinetti, dopo aver appreso che Papa Francesco ha autorizzato la Congregazione delle cause dei santi a promulgare il decreto che riconosce il miracolo attribuito al beato Nunzio Sulprizio, adolescente di Pescosansonesco. “Siamo felicissimi della notizia – afferma mons. Tommaso Valentinetti -. Si tratta della guarigione di un giovane pugliese, di Taranto, coinvolto in un grave incidente stradale una decina di anni fa”. L’arcivescovo spiega che “le lesioni celebrali causate dal tragico impatto e i danni permanenti provocati dalla disgrazia avrebbero dovuto ridurre il ragazzo a importanti riduzioni motorie e invece l’intercessione del beato Nunzio, riconosciuto dal giovane nel sogno, lo ha guarito ‘inspiegabilmente’ per la scienza e ‘miracolosamente’ per la fede”. Si attende, ora, la data ufficiale in cui Papa Francesco lo proclamerà santo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa