Telefono Azzurro: Caffo (presidente) al Governo, “commissione bicamerale e coordinamento tra ministeri per sostegno a infanzia”

“Una commissione bicamerale e un coordinamento tra ministeri per realizzare azioni organiche sull’infanzia”. Lo ha chiesto questa mattina Ernesto Caffo, presidente di Sos Telefono Azzurro onlus, al Governo in occasione della presentazione, a Roma, del bilancio dell’attività dell’associazione a 31 anni dalla fondazione. “Abbiamo assistito al disinteresse generale sul tema della tutela dell’infanzia, anche nelle recenti consultazioni alla Camera dei deputati e al Senato, dove nessun gruppo parlamentare ha toccato l’argomento né ho visto da parte del premier nessuna riflessione su ciò”, ha segnalato. Caffo ha annunciato nuovi incontri con rappresentanti delle istituzioni, dopo aver visto in occasione della Festa della Repubblica il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. L’auspicio è che “vengano incardinate proposte di legge per la tutela dell’infanzia”, “politiche non frammentate” e “risposte a problemi innovativi”. “Credo che occorra una maggiore passione dei nostri parlamentari perché l’infanzia sia al centro delle nostre politiche – ha sottolineato Caffo –. Un Parlamento che non parla alle nuove generazioni e non dà speranza ai ragazzi non ha chiaro che i danni e i traumi sui bambini legati alla violenza e all’abuso restano nella vita di queste persone”. Telefono Azzurro inviterà, in particolare, i rappresentanti delle istituzioni a “implementare le leggi sul cyberbullismo che sono state approvate, mentre sul tema della violenza sessuale bisogna fare tantissimo rivedendo la legge e cercando di avere maggiore attenzione alle vittime, che non hanno opportunità di trattamenti adeguati, oltre a un percorso di intervento sui chi compie il reato”. Altri fronti di intervento, la sanità pediatrica, che “deve fare uno sforzo maggiore per riconoscere i segni del maltrattamento precocemente”, la formazione dei ragazzi alla realtà digitale e sui temi di minori stranieri non accompagnati scomparsi.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo