Sicurezza: espulso marocchino legato ad ambienti dell’estremismo islamico

È stato espulso con accompagnamento alla frontiera, eseguito da personale della Polizia di Stato, un cittadino marocchino, considerato contiguo agli ambienti dell’estremismo islamico. Ne ha dato notizia oggi il Viminale in una nota nella quale viene spiegato che si tratta di un 44enne che “era già stato espulso per motivi di sicurezza dello Stato lo scorso maggio, in quanto aveva manifestato indicatori di radicalizzazione religiosa durante la sua detenzione per reati comuni, ed era rientrato con un visto di 10 giorni per presenziare a un’udienza al Tribunale di Piacenza”. “Una volta in Italia – prosegue la nota – ha immediatamente tentato di far perdere le proprie tracce, ma è stato individuato ed arrestato dagli agenti della questura di Como. All’esito dell’udienza di convalida dell’arresto, il cittadino marocchino è stato rimpatriato in aereo da Venezia”.
Relativamente a soggetti contigui ad ambienti dell’estremismo islamico, sono 288 le espulsioni eseguite dal gennaio 2015 ad oggi, di cui 51 da inizio 2018.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo