Elezioni amministrative: mons. Mogavero (Mazara del Vallo), “vincere il richiamo suggestivo dell’astensione”

“Un tempo i sindaci, nei piccoli come nei grandi centri, erano persone che facevano la storia della propria città o paese con opere che continuano a testimoniare la loro memoria. Oggi, invece, sembra prevalere la paura di perdere la faccia, che spegne il desiderio legittimo di spendersi nell’interesse della comunità”. Lo scrive nell’editoriale del settimanale diocesano online il vescovo di Mazara del Vallo, mons. Domenico Mogavero, alla vigilia delle elezioni amministrative in quattro comuni della diocesi: Vita, Poggioreale, Santa Ninfa e Partanna. “In questo contesto, in assenza di chi avrebbe i numeri per proporsi alla guida delle istituzioni cittadine, potrebbe farsi avanti qualche improvvisatore, cercatore di visibilità – si legge -, impreparato ad affrontare la complessa macchina amministrativa, oggi più che mai necessitante di professionalità a largo spettro”. Dal presule l’attenzione particolare a uno dei quattro comuni in cui si andrà alle urne, cioè Vita, dove c’è un solo candidato sindaco. “Forse il timore di finire nel tritacarne dei social può aver scoraggiato a Vita chi avrebbe potuto proporre la propria candidatura a sindaco, con il risultato che è in lista un solo candidato”. A preoccupare mons. Mogavero è la “paralisi implacabile” delle istituzioni locali, l’aggravata disastrosa situazione economica dei comuni, l’incapacità strutturale di avvalersi delle risorse derivanti dai fondi europei, il degrado dell’ambiente e delle strutture urbane, il deterioramento della qualità della vita, l’assenza di una politica di espansione del mercato del lavoro “con conseguente ampliamento delle povertà”. “Non resta che appellarsi al senso di responsabilità e alla coscienza civica degli elettori, perché vincano il richiamo suggestivo dell’astensione e nell’urna facciano prevalere il buon senso e l’interesse comune”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo