This content is available in English

Serbia: vescovi cattolici incontrano il presidente Vucic in occasione della visita del card. Parolin

I vescovi cattolici della Serbia incontrano il presidente Alexander Vucic

In occasione della prossima visita del Segretario di Stato cardinale Pietro Parolin in Serbia (30 giugno-1 luglio) il presidente serbo Alexander Vucic ha incontrato oggi i vescovi cattolici del Paese balcanico. Nel colloquio si è parlato dei rapporti tra le autorità e le istituzioni statali e la comunità cattolica. Riconoscendo l’impegno dello Stato a risolvere le questioni in sospeso e aiutare la vita e l’attività della comunità cattolica in Serbia, i presuli hanno sollevato il problema dei titoli di studio dei catechisti non riconosciuti e quello dei beni ecclesiali confiscati dal regime comunista e non restituiti, come anche i registri ecclesiali che la Chiesa vorrebbe riavere dallo Stato. “Per i titoli di studio, il problema consiste nel fatto che l’Istituto di teologia nella regione di Vojvodina dove si formano i futuri insegnanti di religione cattolica nelle scuole non è riconosciuto dal ministero dell’Istruzione”, spiega al Sir padre Mirko Stefkovic, segretario generale della Conferenza internazionale “Ss. Cirillo e Metodio”. Dopo l’incontro con il presidente Vucic è già fissato un appuntamento per 2 luglio con il ministero dell’Istruzione per risolvere la questione. “Anche prima di iniziare, la visita del cardinale Parolin sta dando dei frutti”, afferma don Stefkovic.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa