Venezuela: vescovi nella Giornata del giornalista, “missione particolarmente importante nell’attuale situazione del Paese”

La Commissione episcopale delle comunicazioni sociali della Conferenza episcopale venezuelana ha emesso una nota in occasione della Giornata del giornalista, che si festeggia oggi nel Paese. Oltre a ringraziare per l’attenzione con cui viene seguita dalla stampa la vita della Chiesa venezuelana, i vescovi scrivono: “Apprezziamo infinitamente il lavoro del giornalista, la sua missione non è solo informare, ma anche evidenziare i valori umani e trascendenti che nell’ambito giornalistico devono essere fatti risaltare, specialmente nel fare un’informazione veritiera, opportuna e capace di dare speranza”. La missione del giornalista, si riflette nel comunicato, “è particolarmente importante nell’attuale situazione del Venezuela”. Nel Paese, infatti, “l’esercizio del giornalismo è stato duramente messo in questione per i costanti attacchi sofferti negli ultimi anni”, attraverso aggressioni, minacce, furti e distruzione di materiale e mezzi, restrizioni, censura, detenzioni arbitrarie e ingiustificate, chiusura di numerosi mezzi di comunicazione. E tutto questo solo per “dire la verità”. Quindi, “celebrare la Giornata del giornalista, nell’attuale situazione che vive il Venezuela, è un invito a manifestare con il lavoro e la dedizione ciò che c’è di buono in questa professione e in quello che realizza in mezzo alle difficoltà”. Anche nelle situazioni difficili, riflettono i vescovi, è importante che questa professione sia costruita “sui pilastri dell’amore per la verità, la professionalità, il rispetto per la dignità umana” e che rispetto alle ideologie sia messa al centro la persona.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa