This content is available in English

Papa Francesco: udienza, “quante cose belle ha fatto Dio per me?”

foto SIR/Marco Calvarese

“Quante cose belle ha fatto Dio per me?”. È la domanda che, a braccio, il Papa ha proposto ai 12mila presenti oggi in piazza San Pietro, ai quali ha chiesto di rispondere “in silenzio”, ripetendo poi per tre volte la domanda. “Questa è la domanda”, le parole a braccio di Francesco: “In silenzio, ognuno di noi risponda. E questa è la liberazione di Dio. Dio fa tante cose belle e ci libera”. “La gratitudine è un tratto caratteristico del cuore visitato dallo Spirito Santo”, ha spiegato il Papa: “Per obbedire a Dio bisogna anzitutto ricordare i suoi benefici”. Poi la citazione di san Basilio: “Chi non lascia cadere nell’oblio tali benefici, si orienta verso la buona virtù e verso ogni opera di giustizia”. “Dove ci porta tutto ciò?”, si è chiesto Francesco: “A fare esercizio di memoria: quante cose belle ha fatto Dio per ognuno di noi! Quanto è generoso il nostro Padre celeste!”. Poi la richiesta del “piccolo esercizio”, da fare “col cuore”, ai fedeli.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa