Migranti: Pantalone (Min. Interni), continueremo con corridoi umanitari, sì a ingressi legali

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

“Continueremo con l’esperienza dei corridoi umanitari che sono un esempio bellissimo di collaborazione e un impegno ad integrare i rifugiati politici che sono ritenuti tali”. Lo ha assicurato Gerarda Pantalone, capodipartimento per l’immigrazione del ministero degli Interni, che è intervenuta alla cerimonia di benvenuto a Fiumicino dei 139 profughi arrivati dall’Etiopia con i corridoi umanitari. “Il ministero degli Interni continuerà a dare il suo sostegno alle migrazioni legali e in sicurezza”, ha detto Pantalone sottolineando che quello degli “ingressi legali e in sicurezza è un modulo che vogliamo sostenere e continuare a sviluppare”.

“Da tre anni i corridoi umanitari rispondono alla sfida della protezione dei diritti umani e sono un esempio virtuoso: accanto alle centinaia di vite salvate in mare, questa è una via di accesso legale nel nostro Paese”, ha osservato da parte sua Emanuela Del Re, sottosegretario agli Esteri, per la quale tale iniziativa permette di “contrastare i traffici e apre vie sicure di immigrazione per selezionare quelle persone che fuggono, contrastando i trafficanti e chi specula”. Quella dei corridoi umanitari costituisce infatti “un esempio lodevolissimo di collaborazione tra Stato e società civile che sarà la chiave per affrontare la situazione migratoria”.

Nel dare il benvenuto ai profughi, Del Re ha ribadito che “questa è l’Italia che vogliamo”, in un momento “in cui esprimiamo con chiarezza la solidarietà e la speranza a persone che si trovano in condizioni di vulnerabilità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa